Me and Lucio Fontana – Interview with Federico Brook

Questo slideshow richiede JavaScript.

Argentino as Lucio Fontana, how and when he met the master of Rosario?
I arrived in Genoa in 1956, and the first person I called arrived in Rome is Lucio Fontana was for us a very important character who had already made the Manifesto Blanco, although still not anointed with the first prize for painting assigned to him by the jury of the XXXIII Venice Biennale in ’66 for his room with white cloth torn from a single cut.
It was a great kindness and invited me to visit him. He was one of the few Argentines arrived with his father in Italy to Milan in just six years to attend school and at the time of my move to Italy many years had passed. So I went in via Monforte 27, where he lived, and I immediately took a liking to. I saw before me a very elegant man, well dressed, as always, with a tie, actually a real dandy. After talking to a lot of his stuff, Spatialism – crucial for me for my future work – we went for lunch, and without putting time in half, from all dealers known to him – and there were many! – To introduce myself to them with great warmth as you do with a young artist, showing my drawings as a sign of note.
At the time I was a very figurative and I immediately enrolled at the Academy of Fine Arts for a place to work and continue my research, of course, influenced by spatialism Fontana. Assiduously frequented the studios of several artists Margutta, Monteleoni from others, but compared to their Lucio had a special charisma and for his kindness and for his inner strength. He was very confident, had no problems with other colleagues, and this led him to be wise and always caring with everyone. The great figures of the past and the present, albeit with a strong-willed character and sometimes as difficult as it could be a Picasso, have a safe, positive energy – such as Fontana fact – that immediately makes them available are noble in their gestures.
Our attendance has lasted many years, until his early death in 1968. At that time we were regulars beautiful collection of Peggy Guggenheim where there we met Teresita Fontana, because until then no one had ever before encountered. Teresita Rasin – this was her maiden name – was his great companion, who helped him with his work as a milliner, and although they were still married, the expectations from ’40 to ’47, when Lucio decided to start towards the Argentina and settled in Buenos Aires (there was already back from ’21 to ’28 in Rosario Santa Fe). Upon his arrival in Milan came the big breakthrough and founded the Movement spatialist.
I remember Teresita had a shop in the back of the shop and lived with great simplicity. The death of the Master made a very important job, trying to rid the market of false Fountain in exchange for an original work. It was she who set up his Foundation in 1982 with the help of Valeria, the secretary of a lifetime, which has sadly left us recently.
With Teresita we have done much to Lucio. We had an exhibition in his honor in Buenos Aires, but in the end she trusted because he feared that with the opportunity to be able to move other false, as Fontana had come to be a universal artist who had acquired the full extent of the great, although accorded relatively late in the art market.

This fourth dimension as he lived Fontana?
Lucio began as a sculptor. His father was a stonemason who worked mainly for cemeteries. Fontana was a figurative rather splendid. He repeated to Teresita that would leave a legacy of which she could not account for, but that would be served, and this heritage was a box full of drawings. I have had cultural and political positions with the Istituto Italo Latino Americano and I thought I make a tribute to Lucio organizing an exhibition in his honor and Crispolti and Teresita chose all the designs destroying innumerable packages of paper at the time: think she could make many false!
To return to your question, compared with figurative designs, the punzones – of which there is a splendid photographic documentation of Ugo Mulas – and the cuts are next and represent a laceration to the two-dimensionality of the canvas, which may seem simple, but to which no one had ever thought before. His works would not refer to any kind of art but the granite belief that it was possible to go beyond painting and sculpture.

How to read the creative path of Fontana?
Act. What a genius eclectic and independent of the contemporary scene that has spanned many fields with great versatility of artistic research: from sculpture to decoration, from painting to ceramics to the installation environment. The punzones, as well as the spatial concept is what makes his work unique and unrepeatable tearing the canvas and with it all the academic rules related to the use of perspective. Lucio was an artist very different from what we are usually accustomed to raffigurarci creative. Think of him as a bohemian and a sentimental would be false. He was a courteous gentleman very lovable typical of his time.

Joint statement universally accorded to the Fifties and Sixties, the number of shares to be at the Milan Triennale, the Quadrennial Rome to Venice Biennale – not to mention the monographic exhibitions in the most prestigious international galleries – how it changes, if it changes, his art?
simplicity of color, its surface still elementary monochrome, delicate, sensual, bright or completely white and the ineffability of matter are the exaltation of the gesture that breaks down and explodes the space. The punzones forties prior to the cuts of the fifties represented by Lucio not a point of arrival but of departure towards a continuous and incessant artistic research. While never abandoning the cuts, fundamental experience for him was his stay in New York in the sixties that, on his return, led him to develop a series of splendid works on metal plates. Then came the painted oval oil monochromes, dotted with holes, tears and even sequins known as the End of God, without forgetting its Teatrini that from ’64 to ’66 it engaged in diverse and elaborate solutions: wooden frames shaped and lacquered that contained monochrome paintings, as well as ellipses, these wooden, painted in bright colors and designed on drawings made by him.

How did you get the work of Fontana in his collection
Concetto Spaziale that I have kept to this day I was given by Lucio. I remember going to see him, as often happened, in his gallery, and he, with the generosity as I said apart only great, but I wanted to give a work that was chosen by me and said, “Hold to account for a day you will. ” Yes, now is the time.

Io e Lucio Fontana – Intervista a Federico Brook

Questo slideshow richiede JavaScript.

Argentino come Lucio Fontana, come e quando ha conosciuto il maestro di Rosario?
Sono arrivato a Genova nel 1956, e la prima persona che ho chiamato giunto a Roma è stato Lucio Fontana, per noi un personaggio importantissimo che aveva già fatto il Manifesto Blanco, anche se ancora non consacrato con il primo premio per la pittura assegnatoli dalla giuria della XXXIII Biennale di Venezia del ’66 per la sua sala bianca con tele lacerate da un unico taglio.
Fu di una gentilezza estrema e mi invitò ad andare a trovarlo. Lui era uno dei pochi argentini arrivato con il padre in Italia a Milano a soli sei anni per frequentare le scuole e all’epoca del mio trasferimento in Italia erano già trascorsi moltissimi anni. Così mi recai in via Manforte 27, dove lui abitava, e subito mi prese in simpatia. Vidi davanti a me un uomo molto elegante, ben vestito come sempre, con la cravatta, insomma un vero dandy. Dopo aver parlato molto delle sue cose, dello spazialismo – per me fondamentale per i miei lavori futuri – andammo a pranzo, e senza porre tempo in mezzo, da tutti i galleristi da lui conosciuti – ed erano molti! – per presentarmi a loro con grande calore come si fa con un giovane artista, mostrando i miei disegni in segno di nota.
All’epoca ero un ottimo figurativo e subito mi iscrissi all’Accademia di Belle Arti per avere un luogo dove poter lavorare e proseguire la mia ricerca, naturalmente influenzato dallo spazialismo di Fontana. Frequentavo assiduamente gli studi di diversi artisti di via Margutta, da Monteleoni ad altri, ma rispetto a loro Lucio aveva un carisma particolare sia per la sua gentilezza sia per la sua forza interiore. Era una persona molto sicura di sé, non aveva problemi con gli altri colleghi, e ciò lo portava ad essere saggio e sempre altruista con tutti. I grandi personaggi del passato e del presente, sebbene con un carattere volitivo e a volte difficile come poteva essere un Picasso, hanno una sicurezza, un’energia positiva – come quella di Fontana appunto – che immediatamente li rende disponibili e nobili nei loro gesti.
La nostra frequentazione è durata tanti anni, fino alla sua precoce scomparsa nel 1968. In quel tempo eravamo assidui frequentatori della splendida collezione di Peggy Guggenheim dove lì conoscemmo Teresita Fontana, perché sino ad allora nessuno l’aveva mai prima incontrata. Teresita Rasini – questo era il suo nome da nubile – fu la sua grande compagna, che lo aiutò con il suo lavoro di modista, e sebbene non fossero ancora sposati lo attese dal ’40 al ’47, quando Lucio decise di ripartire verso l’Argentina e stabilirsi a Buenos Aires (già vi era tornato dal ’21 al ‘28 a Rosario di Santa Fè). Al suo arrivo a Milano avvenne la grande svolta e fondò il Movimento spazialista.
Ricordo che Teresita aveva un negozio e nel retro della bottega vivevano con grande semplicità. Alla morte del maestro fece un lavoro molto importante, cercando di liberare il mercato dai falsi Fontana in cambio di un’opera originale. È stata lei a costituire la sua Fondazione nel 1982 con l’aiuto di Valeria, la segretaria di tutta una vita, che da poco ci ha tristemente lasciati.
Con Teresita abbiamo fatto molto per Lucio. Dovevamo allestire una mostra in sua memoria a Buenos Aires, ma alla fine non si è fidata perché temeva che con l’occasione altri falsi potessero circolare, poiché Fontana era giunto ad essere un artista universale che aveva acquisito tutta la misura dei grandi, sebbene riconosciutagli relativamente tardi dal mercato dell’arte.

Questa quarta dimensione come l’ha vissuta Fontana?
Lucio nasce come scultore. Suo padre era un marmista che lavorava prevalentemente per i cimiteri. Fontana invece era un figurativo splendido. Lui ripeteva a Teresita che le avrebbe lasciato un patrimonio di cui lei non si poteva rendere conto, ma che le sarebbe servito, e questo patrimonio era un cassone pieno di disegni. Io ho avuto incarichi culturali e politici con l’Istituto Italo Latino Americano e pensai di fare un omaggio a Lucio organizzando una mostra in suo onore e con Crispolti e Teresita scegliemmo tutti i disegni distruggendo pacchi e pacchi di carta in bianco di quel periodo: pensi lei quanti falsi si potevano fare!
Per tornare alla sua domanda, rispetto ai disegni figurativi, i punzones – dei quali esiste una splendida documentazione fotografica di Ugo Mulas – e i tagli sono successivi e rappresentano una lacerazione alla bidimensionalità della tela, cosa che può apparire semplice ma alla quale nessuno aveva mai pensato prima. Le sue opere non volevano rifarsi a nessun genere artistico ma alla granitica convinzione che era possibile oltrepassare la pittura e la scultura.

Come legge il percorso creativo di Fontana?
Unico. Quello di un genio eclettico e autonomo rispetto al panorama contemporaneo che ha attraversato con grande versatilità molti campi della ricerca artistica: dalla scultura alla decorazione, dalla pittura alla ceramica fino all’installazione ambientale. I punzones, così come il concetto spaziale è ciò che rende unica e irripetibile la sua opera che lacera la tela e con essa tutte le regole accademiche legate all’uso della prospettiva. Lucio era un artista molto diverso da come solitamente siamo abituati a raffigurarci un creativo. Pensare a lui come a un bohémien e un sentimentale sarebbe falso. Era un cortese gentiluomo molto amabile tipico del suo tempo.

Giunto ad un’affermazione universalmente riconosciutagli fra gli anni Cinquanta e Sessanta, alla alle numerose partecipazioni sia alla Triennale di Milano, alla Quadriennale di Roma che alla Biennale di Venezia – per non parlare delle mostre monografiche nelle più prestigiose gallerie internazionali – come cambia, se cambia, la sua arte?
La semplicità del colore, la sua superficie elementare comunque monocroma, delicata, carnale, squillante o totalmente bianca e l’ineffabilità della materia sono l’esaltazione del gesto che rompe e deflagra lo spazio. I punzones degli anni Quaranta precedenti ai tagli degli anni Cinquanta hanno rappresentato per Lucio non un punto di arrivo, ma di partenza verso una continua e incessante ricerca artistica. Pur non abbandonando mai i tagli, un’esperienza per lui fondamentale fu il suo soggiorno a New York negli anni Sessanta che, al suo ritorno, lo portò ad elaborare una serie di splendide opere su lastre di metallo. Arrivarono poi i dipinti ovali a olio monocromi, costellati di buchi, squarci ed anche lustrini conosciuti come la Fine di Dio, senza dimenticare i suoi Teatrini che dal ’64 al ’66 lo impegnarono in diverse ed elaborate soluzioni: cornici in legno sagomato e laccato che racchiudevano quadri monocromi, così come le elissi, anche queste in legno, dipinte in colori squillanti e pensati su disegni eseguiti da lui.

Come è arrivato l’opera di Fontana nella sua collezione?
Il Concetto Spaziale che ho conservato sino ad oggi mi fu regalato da Lucio. Ricordo che andai a trovarlo, come spesso accadeva, nella sua galleria e lui, con la generosità che come ho già detto contraddistingue solo i grandi, mi volle regalare un’opera che però fosse scelta da me e aggiunse: “Tienila di conto perché un giorno ti servirà”. È vero, adesso è giunto il momento.