La nuova TATE MODERN aprirà a giugno

di Redazione

Nicholas Serota, direttore della Tate, ha posto il 18 febbraio l’ultima pietra all’edificio.

La nuova Tate Modern, ampliata e riallestita, aprirà al pubblico venerdì 17 giugno 2016, a Londra. Il nuovo museo progettato dallo studio di architetti Herzog & de Meuron è l’edificio culturale più importante realizzato nel Regno Unito negli ultimi vent’anni.

La Tate Modern è uno dei musei di arte moderna e contemporanea più famosi al mondo ed attrae circa 5 milioni di visitatori ogni anno. Situato nell’ex centrale elettrica di Bankside, ha aperto al pubblico nel maggio del 2000.

tate1

La Tate gestisce una collezione nazionale sempre crescente di oltre 70.000 opere, acquistate e conservate nell’interesse comune e esposte in diverse sedi nel Regno Unito e nel mondo.

La nuova Tate Modern sarà inaugurata in una nuova veste, che riunirà le opere più amate provenienti dalla sua collezione e nuove acquisizioni realizzati per la nazione, da quando la Tate Modern aprì nel 2000. Con uno spazio espositivo ampliato del 60%, la galleria di arte moderna più famosa del mondo presenterà oltre 250 artisti provenienti da circa 50 paesi, esplorando l’evoluzione dell’arte, dagli ateliers e salons dove nacque il modernismo, fino ai più recenti progetti interattivi e sociali realizzati in tutto mondo.

newtatemodernsouthview

Nicholas Serota, direttore della Tate:

“La nuova Tate Modern è uno strumento che ci permetterà di offrire una ricca varietà di esperienze ai visitatori e di dare l’opportunità agli artisti di presentare le loro opere sotto diverse forme.”

Chris Dercon, direttore Tate Modern:

“L’arte è una delle forme del comportamento umano più dinamiche e impegnate e oggi le persone che entrano in un museo non cercano di evadere dalla propria vita, ma vogliono avvicinarsene. La nuova Tate Modern sarà molto di più di un ricettacolo d’arte, sarà un punto di incontro tra gli esseri umani.”

La Turbine Hall diventerà il cuore della Nuova Tate Modern, con, da una parte, i sei piani dell’esistente Boiler House e dall’altra i dieci piani della nuova Switch House che si eleverà sopra i Tanks. La costruzione della nuova Switch House è quasi completata, i lavori si focalizzano ora sugli interni e sulla particolare facciata di mattoni.

Ci saranno anche nuovi spazi urbani sul lato sud-ovest dell’edificio, che completeranno la metamorfosi del sito trasformandolo da un luogo storico industriale e chiuso a uno spazio pubblico e aperto.

Opere iconiche realizzate dalle principali figure del XX secolo, come Pablo Picasso, Joseph Beuys e Mark Rothko, affiancheranno artisti che hanno raggiunto il grande pubblico grazie alle mostre organizzate alle Tate Modern, come Saloua Raouda Choucair (n. 1916, Libano),Meschac Gaba (n. 1961, Benin) e Cildo Meireles (n. 1948, Brasile). Nel 2016 verranno presentati per la prima volta anche alcune delle nuove acquisizioni, da un’installazione composta da capelli e paraurti di Sheela Gowda (n.1957, India), a una stanza piena di giganteschi sacchi di iuta di Magdalena Abakanowicz (b.1930, Polonia) a un coinvolgente film su multischermo diApichatpong Weerasethakul ( b.1970, Thailandia), palma d’oro al Festival di Cannes.

La nuova Tate si rivolge ai bambini e alle scuole: giovedì 16 giugno, il giorno prima dell’apertura al pubblico i bambini delle scuole del Regno Unito saranno invitati a un’anteprima esclusiva.

Il 17, 18 e 19 giugno anche i giovani saranno invitati a partecipare al weekend di apertura e a interagire con l’arte moderna e contemporanea. Il progetto è stato reso possibile da una delle più vaste campagne di raccolta fondi mai lanciate e grazie all’immensa generosità del governo, della Greater London Authority e di diverse fondazioni e personalità private. Nel 2006 il costo del nuovo edificio era stato stimato a 215 milioni di sterline, ai prezzi del 2012.

La portata del progetto è stata estesa e ora include lavori di rinnovazione dell’edificio esistente e il costo totale del progetto, in linea con i prezzi del 2016, è di 260 milioni di sterline.

 

Le leggiadre forme del Settecento

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per le arti visive, e in particolare per la pittura, la prima metà del Settecento è una fase di passaggio dalla magniloquente narrazione tardo barocca, a un linguaggio più aggraziato e sensuale dove la composizione e la scelta cromatica divengono veicolo di una lettura della storia più intima e per così dire profana dell’opera d’arte. Essa decora non solo le pareti dei gentiluomini che le custodivano, ma anche il loro gusto che si affina verso obiettivi assoluti fino allo sbocciare dell’arte neoclassica, movimento che si pone come esempio di perfetta sintesi tra antico e moderno.
Nella prossima asta di Dipinti Antichi del 6 marzo abbiamo tre esempi paradigmatici di questa vitale e affascinante evoluzione del linguaggio pittorico in Italia tra XVII e XVIII secolo.
Il primo è una tela raffigurante la Nascita della Vergine di Francesco Solimena (Canale di Serino 1657 – Barra 1747), artista tra i più rappresentativi della cultura tardo-barocca, che in seguito alla formazione avvenuta con il padre Angelo, assimilò lo stile di Luca Giordano, con la sua ricchezza cromatica, di linguaggio concitato e grandioso. Nel nostro caso però, l’artista appare affrancato dalle proprie origini pittoriche, esprimendo in piena autonomia una cifra stilistica settecentesca, che permette di incasellare l’esecuzione dell’opera al primo decennio del XVIII Secolo, in analogia con il Didone accoglie Cupido della National Gallery di Londra e le tele bibliche commissionate dalla famiglia genovese dei Durazzo. Lontani sono gli echi rigorosamente giordaneschi e superati sono quegli eccessivi effetti drammatici del tenebrismo pretiano, mentre le forme assumono un’elegante concretezza, d’indubbio l’equilibrio compositivo che si risolve in una progettualità ineccepibile. Osservando il ritmo narrativo appare evidente l’influenza della cultura teatrale, non solo per la regia dei lumi, ma altresì per la sintassi coloristica e la trionfale coreografia. La visuale da sotto in su, crea un effetto prospettico monumentale, che si chiude con la sequenza delle colonne marmoree e l’apertura verso l’infinito in cui la vista si perde tra grumi di nuvole e angeli (stima 15.000 – 20.000 euro).
Il secondo è un’intensa Madonna col bambino e Santi di Carlo Innocenzo Carloni (Scaria d’Intelvi 1687 – 1775), un bozzetto è verosimilmente preparatorio per una pala d’altare e presenta una sintesi d’estrema leggerezza pittorica in cui l’autore da prova dell’eccezionale talento nel concepire complesse iconografie. . L’artista fu allievo in veneto presso l’atelier di Giulio Quaglio e poi di Angelo Trevisani a Roma, ma in seguito svolse la propria attività prevalentemente in Lombardia e nei paesi di lingua tedesca. Il suo successo si può dire straordinario grazie alla maestria di decoratore, capace di progettare strutture sceniche di eccelso sapore rococò intercalando l’uso dello stucco con punti di fuga in cui le raffigurazioni rappresentate si librano con leggerezza. La stessa intensità creativa la cogliamo osservando le opere su tela e in modo particolare nei modelletti e negli studi a bozzetto. Quest’opera già attribuita all’artista da Egidio Martini e Ugo Ruggeri e avvicinata a una serie di pale accuratamente elencate da Simonetta Coppa, con la sua datazione attorno agli anni 1760 – 1766 offre un utile riscontro cronologico, delineando lo stile maturo del pittore (stima 2.500 – 3.500 euro).
La terza è una incantevole Scena mitologica da riferirsi alla Bologna settecentesca dei Gandolfi. Il riferimento infatti, trova grazie al confronto con le opere, precise corrispondenze e il riconoscimento pone le sole difficoltà nel distinguere con certezza la mano di uno dei tre protagonisti a noi noti: Gaetano (San Matteo della Decima 1734 – Bologna 1802), Ubaldo (San Matteo della Decima 1728 – Ravenna 1781) e Mauro (Bologna, 1764 – 1834). Tuttavia, analizzando il dipinto emergono marcate peculiarità neoclassiche, sostanzialmente assenti vagliando la vocazione neobarocca di Gaetano e del più anziano Ubaldo, anche prendendo atto dell’evoluzione classicista che avvertiamo nella tarda produzione del primo. Ma a questo proposito si deve riconoscere l’influenza che Gaetano trasmise al figlio Mauro, e di come la distinzione tra le due mani sia filologicamente complessa e non sempre risolvibile applicando giudizi netti e definitivi (stima 6.000 – 8.000 euro).